giovedì 28 aprile 2005

Come promesso, anche se in ritardo, posto il programma della mostra che sto organizzando al Leoncavallo per il 20-21-22 maggio (e se volete collaborare, partecipare o per informazioni, la mail è quella qui sopra):

MILANO POSTER EXPLOSION
Poster Art, Street Art e fotografia


- ART OF MODERN ROCK POSTERS
Chuck Sperry / Ron Donovan / FIREHOUSE (San Francisco CA)
Lindsey Kuhn (Austin TX)
Chris Shaw (Oakland CA)
Matteo Guarnaccia (Italia)
Giampo Copparoni (Italia)
Malleus (Italia)
Mochvara Design Team (Croazia - Zagreb)

Art Of Modern Rock Posters è un libro che raccoglie il meglio della poster art mondiale degli ultimi 10-15 anni. Ideale successore di "Art Of Rock", ne mantiene le caratteristiche di ampia documentazione, grande formato, ottima qualità.
La mostra che presentiamo è composta da 75 poster, che compongono una selezione di tutti gli artisti presenti nel libro. Oltre a questa mostra collettiva, ci saranno anche le mostre personali di alcuni degli artisti presenti nel libro, ovvero:

Chuck Sperry e Ron Donovan, conosciuti anche come Firehouse Kustom Rock Co. sono un duo di artisti operanti da diversi anni.
Chuck proviene dai comix underground e ha collaborato a svariate riviste, come World War 3 Illustrated di New York, mentre Ron arriva dalle scuole d'arte, dove si è specializzato in performances non troppo apprezzate dalle burocrazie scolastiche, come organizzare mostre d'arte nei bagni della scuola, e dove ha imparato i rudimenti della serigrafia. Il gruppo nasce nel 1994 come Psychedelic Sparkplug, per diventare Firehouse nel 1996.
Come Firehouse hanno esposto in mostre singole e collettive attraverso tutti gli Stati Uniti e, dal 1998 attraverso buona parte dell'Europa.
A Milano arrivano ogni anno dal 1999, collaborando a singole mostre nonché all'Happening Internazionale Underground.
Hanno lavorato per centinaia di artisti, dalle star più affermate (Madonna, Beck, Marylin Manson, Blink 182), ai nomi storici del punk e dell'HC (Jello Biafra, Fear, Cramps, Suicidal Tendencies), ai grandi del country e del Blues (Johnny Cash, John Lee Hooker, Booker T. Jones, Oscar Myers), alle nuove leve punk, hardcore e indie (Makers, Hellacopters e centinaia di altri).
Tutte le opere da loro prodotte fino al 2004 sono raccolte nel libro "Eyesore" (Last Gasp Publications).

Lindsey Kuhn inizia la sua carriera di poster artist molto presto, già alla fine degli anni 80: durante il liceo, nel Mississippi, Lindsey comincia a fare i primi poster fotocopiati per concerti punk e contest di skate da lui organizzati.
Negli anni di università, in South Alabama, continua a lavorare con bands locali, producendo poster, stickers, locandine e t-shirts per i concerti.
Nel 1990 si trasferisce ad Austin in Texas e comincia a lavorare in un laboratorio di serigrafia per t-shirts, dove impara anche la tecnica per la serigrafia su carta. Verso la fine del 1990 incontra Debbie Jacobson, de l'Imagerie Gallery (galleria d'arte specializzata in undeground art, poster art e simili) e inizia a lavorare per lei.
Nel 1991 stampa poster per Frank Kozik, Robert Williams, Robert Crumb, Big Daddy Roth, The Pizz, ecc. A fine anno Lindsey comincia a produrre i suoi primi poster e realizza la sua prima mo-stra personale a Los Angeles, "The Green Jell-O/Tool Show".
Nell'inverno del 1992 comincia a lavorare con Artrock Gallery (specializzata in poster di concerti e rock memorabilia), stampando circa 200 poster diversi, di cui 75 suoi.
Nel febbraio 1994 Artrock chiude il negozio di Austin e apre a San Francisco, ma Lindsey decide di rimanere ad Austin e aprire il proprio laboratorio: Swamp Co.
Swamp Co. Stampa tutti i poster di Lindsay Kuhn e lavora su commissione per molti altri artisti.

Chris Shaw è un'altra vecchia conoscenza per gli amnti italiani della poster art. Infatti è già stato presente nel 2001 durante la settima edizione dell'HIU.
Chris è specializzato in diversi tipi di lavori artistici per l'industria musicale: ha realizzato copertine di dischi, booklet per cd, posters e intere scenografie per grandi concerti e festival.
Come molti altri, ha iniziato facendo poster fotocopiati per concerti punk, nella Boston degli 80's.
Negli anni 90 comincia a lavorare su commissino per molte bands e locali, in particolarecurando tutti i poster per il famoso Fillmore Auditoriium di San Francisco.
Il suo curriculum come poster artist comprende nomi come: Kiss, Foo Fighters, Primus, Cypress Hill, Sonic Youth, Hole, Deftones, Warped Tour e molti altri.
Inoltre ha creato scenografie per concerti e video di: Jane's Addiction, Grateful Dead, Allman Brothers, Pearl Jam e altri, nonché per festival come: Lollapalooza, Warped, Tibetan Freedom Concert (dal 95 al 99), Bill grahm Presents e molto, molto altro.

Matteo Guarnaccia, non può essere un nome sconosciuto per gli appassionati di arte underground: è stato uno dei primi e più longevi tra gli artisti dell'underground italiano.
Raccontare la sua storia necessiterebbe di un libro più che di poche righe di presentazione.
Il suo stile psichedelico risale, infatti, alla fine degli anni 60, attraversa gli anni 70 di Puzz, Fallo e migliaia di altre micro pubblicazioni tipiche del periodo, quindi continua fino a oggi.
Ha dipinto su qualunque superficie e materiale, ha fatto poster, riviste, libri, ha esplorato ogni campo dell'underground italiano e internazionale, delle culture e controculture, sia come protagonista che come appassionato.

Giampo Copparoni - I suoi primi approcci con la grafica, il fumetto e la poster art nascono dalla scena punk torinese a metà anni 80, quando realizza artworks per il suo gruppo, gli Stinky Rats, e per i concerti di diversi squats (El Paso, Virus e molti altri).
Fumettista, illustratore, attratto dalla grafica americana psichedelica dei Sixties, ha realizzato e realizza tuttora numerosi pop posters per party e happening per circuiti underground della realtà torinese e milanese.
Giampo è anche un grande appassionato di auto e moto dalle forme bizzarre. Nel 1994 pubblica i suoi primi fumetti su "Interzona" comix underground magazine di Torino, crea i "Motorfreakers" storie a fumetti che pubblica ogni mese su Freeway Magazine, rivista mensile a tiratura nazionale, specializzata in motociclette Kustom, Choppers, e Harley Davidson.
I "Motorfreakers" sono una rappresentazione personale ironica bizzarra e visionaria del ambiente bikers. Tra il 1997/98 pubblica un volumetto completamente autoprodotto in 450 copie numerate dal titolo "Motorfreakers Weird Stories" sopra vi sono tutte le storie pubblicate su Freeway magazine dal 1995 al 97 più quattro inediti.
Contemporaneamente realizza copertine di dischi e Grafica per gruppi rock e punk, progetta ed esegue grafica e colorazione a moto e team del Campionato Dragster di moto IDRA (Italian Drag Racing Association).

Malleus - Seppur attivi da pochi anni, gli artisti che compongono il Laboratorio Artistico Malleus sono riusciti a creare un gran numero di opere, realizzando posters per diverse bands (Melissa Auf Der Maur, The Cure, Iggy Pop & the Stooges, Korn, Melvins, Motorpsycho, Mouse on Mars, Monster Magnet, Flaming Lips, Mark Lanegan, Sigur Ros, Turbonegro e molti altri), e collaborando con etichette discografiche, riviste musicali, d'arte e grafica, locali, siti web e televisioni.
Le loro opere sono state esposte in mostre singole e collettive a Philadelphia, Rio De Janeiro, Los Angeles, Milano, Torino e molte altre città, oltre a essere presenti in diversi libri come "Swag Rock Posters of the 90's", "The Art of Electric Frankenstein" (Dark Horse), "Fleshrot" (Frightworld Stu-dios).

Mochvara Design Team: sono Marko Matosic / layout, Darko Kujundzic / layout, Igor Hofbauer / illustratore. Sono un gruppo di artisti croati attivo all'interno del club/ONG Mochvara Club della capitale, Zagabria.
Pur essendo attivi da pochi anni, curando tutta la grafica e i poster dei concerti dell?omonimo club, hanno un nutrito curriculum di lavori: si va da poster per gruppi internazionali come Dub Syndacate e Shandon a gruppi locali, dj sets e molto altro.



- YO! WHAT HAPPENED TO PEACE?
La mostra comprende più di 100 poster per la pace e contro tutte le guerre, realizzati dai migliori poster artists mondiali (Winston Smith, Shepard Farley, Peter Kuper, Futura 2000, Daze, Malleus, Firehouse e moltissimi altri).

- MILANO HARDCORE: NATI PER ESSERE VELOCI
Più di 50 foto e altrettanti poster e flyers, dall'archivio di I Don't Care! Punkzine, per raccontare i primi dieci anni della scena punk/hardcore a Milano (dal 1982 al 1992).

- STREET ART EXPLOSION
La parola street art non definisce perfettamente i molti aspetti di una "arte di strada" fatta di stickers, poster, stencil, graffiti, spray e pennelli, che prende ispirazione da grafica, muralismo, graffitismo, logos, fumetto e li reinterpreta in mille personaggi e situazioni inseriti nelle strade delle città.
Nata assolutamente illegale, la street art è progressivamente arrivata a farsi notare nelle campagne pubblicitarie multinazionali. O forse è vero il contrario: oramai incapace di farsi notare, la pubblicità ha avuto bisogno dell'impatto visuale della street art.
Partecipano: B d, Blu, Bros, Dade, Dem, Helghi, Linda, Luis Loucuz, Ok Zoo, Pao, Pus, SeaCreative, Sonda, TvBoy, Vandalo e altri ancora da confermare.

Nessun commento:

Posta un commento