domenica 22 giugno 2008

Milano, Italia

Che la Milano degli affaristi, degli speculatori, dei politicanti con stuoli di collaboratori, assessori, leccaculi e barlafùs abbia portato in superficie, oltre a cantieri per lo più inutili, tonellate di merda, non è una sorpresa.
Che si sia arrivato al grado zero, dal punto di vista culturale, sociale, politico e umano, anche questo non è una sorpresa.
Lunedì ci dovrebbe essere lo sgombero del Leoncavallo e, pure questa non è una sorpresa.
Poi, e la cosa chiaramente non sarà certo una sorpresa, toccherà ad altri centri sociali, ai Rom, agli immigrati, ai graffitari, ai rumorosi, ai pazzi, ai brutti, ai pelosi. E i gay, non dimentichiamo i gay.
Che poi tra un po' si potranno tornare a chiamare zingari, negri, froci e rompicoglioni vari.

Ah, la ggente. Che bella cosa la ggente.
La ggente ha sempre ragione.
La ggente che si troverà a vivere in un pulitissimo, silenziosissimo, ordinatissimo cimitero.

Inutile dirgli che l'Italia è meno libera del Botswana, meno tutto di quasi tutti.
L'importante è che Milano sia la capitale morale, qualunque cosa voglia dire.
Beh, tra poco Milano sarà la capitale nazionale (che dico, mondiale!) del niente.
Un niente che è sempre riuscita ad esprimere in modi inarrivabili, che non teme confronto alcuno al mondo.

Massì, concediamolo alla ggente di qui un nuovo record. Campioni del niente, in esclusiva aromatizzato merda.

Nessun commento:

Posta un commento