lunedì 17 maggio 2004

IL CASO DI CESARE BATTISTI, PER CHI NE VUOLE SAPERE DI PIU'

Solo pochi giorni fa (il 12 e il 13 maggio) tutti gli organi di stampa hanno dato la notizia che il tribunale di Parigi avrebbe dato parere favorevole all'estradizione di Cesare Battisti.
Così non è, dato che il parere favorevole è stato espresso dalla Procura della Repubblica, che sarebbe, in pratica, la pubblica accusa contro Battisti, il cui compito è, appunto, l'accusa contro il soggetto in questione.
La falsa notizia è circolata comunque, senza la minima smentita da parte di nessun giornale delle false notizie pubblicate.
Questo non stupisce, dato il livello disgustosamente basso della qualità, integrità e professionalità del giornalismo italiano, salvo rare eccezioni (e "rare" ed "eccezioni" sono parole da intendersi nel senso più restrittivo del termine).
Qualche notizia reale a proposito del fatto la trovate qui, qui e infine qui.
Io mi limito a sottoscrivere, per quel che vale, tutte le opinioni espresse.
Sulla questione di Cesare Battisti e, più in generale, su quello che avveniva negli anni 70 ne hanno parlato diffusamente i Wu Ming sul loro sito.
Tra tutte le documentazioni che hanno citato nei vari articoli uno di quelli citati più spesso è "Processo all'istruttoria" di Laura Grimaldi, uscito nell'81 per la Milano Libri Edizioni. Il libro in questione è probabilmente fuori stampa da anni e di difficile reperibilità.
Io l'ho trovato in un remainder (quei negozi che vendono rese di magazzino, libri usati e simili): La Fiera del Libro in Corso XXII Marzo, vicino a Piazza Medaglie d'oro.
Se qualcuno fosse interessato hanno ancora una decina di copie.
La lettura è molto interessante per capire come funzioni la giustizia in italia ("giustizia" e "italia" in rigoroso minuscolo) e quali siano le fondamenta su cui il castello di accuse a Battisti sia costruito.
Ci sarebbe altro da commentare, ma per ora mi fermo qui.

Nessun commento:

Posta un commento