lunedì 20 dicembre 2004

Il sabato è stato dedicato al concerto di Kina e Frontiera per l'8avo compleanno di Riot.
Ce ne sarebbero di cose da dire, e il vecchio scoreggione che si nasconde dentro la mia figura di algido playboy (non sono veramente "algido", poi non so nemmeno cosa vuole dire... aspetta, che quardo il dizionario... dunque: "ALGIDO: àlgidoagg.1 LE freddo, gelido: dalle selve ignude cui l?Orsa algida preme (Leopardi) fig., di qcn., freddo, distaccato 2 TS med., relativo a stato morboso caratterizzato da raffreddamento della temperatura delle estremità e da collasso circolatorio"... mah. Magari un po'... l'altro ieri c'era un paio di gradi... freddo, ero freddo, comunque volevo solo usare la parola algido, così per darmi un tono. E poi a voi che vi freca? Cialtroni! Vi ho imparato una parola nuova d'italiano e subito qualcuno che ha qualcosa da ridire... Come sarebbe cosa vuol dire cialtroni?) premerebbe per un post emo in cui siano citati ricordi di una gioventù in cui, in cameretta, si ascoltava Irreale Realtà sul giradischi dell'anziano genitore. Poi, reminiscenze di sensi che riportano alle epoche trascorse. Tutto troppo terribilmente Emo.
Just say no.
Intanto, mentre scrivo ZoneAlarm continua a bloccare tentativi d'accesso. Pure Spybot Search & Destroy.
I Kina però hanno spaccato, anche se Giampiero non si ricordava più i pezzi.
Comunque suonavano in playback. Ha.
Al banchetto della distro ho preso pure il cd dei Fr@nti che, peraltro, avevo già in vinile, ma c'erano dei pezzi inediti e serviva per sostenre @ rivista anarchica, quindi.
I valtellinesi presenti erano commossi per solidarietà alpina.
Fagghio, pur vivendo nella pianura più profonda, era commosso pure lui.
Io ero commosso, ma nessuno l'ha notato, perché ero algido.

Nessun commento:

Posta un commento