venerdì 16 giugno 2017

Blu "Chain", Cuvrystraße, Berlino 2008


Blu dipinge il disegno che vedete, "Chain", nel 2008 sulla facciata cieca di un palazzo, di fianco a un altro suo muro "Brothers", dell'anno precedente.
L'area è uno sterrato vuoto già pezzato da anni nelle parti basse del muro.
Tra i muri di Blu e Camp Curvy (la comunità autogestita che sorse su quello spazio e fu sgomberata nel settembre 2014) quest'area divenne uno dei centri della Berlino "alternativa" (termine orrido ma non saprei come altro scrivere...).
Con lo sgombero dell'area, in vista della costruzione di edifici residenziali per nuovi ricchi berlinesi, che vogliono abitare Kreuzberg e dintorni, e ammirare opere di street art sui muri senza annusare l'odore della povertà al piano terra, Blu decise di cancellare i suoi muri con una mano di nero.

La foto è di Japo/JDMphotos, quando ancora esisteva il campo.

Poi altre tre foto che raccontano la storia del muro prima e dopo:

L'area tra il primo e il secondo muro di Blu (giugno 2008)

I muri cancellati.

Il messaggio ai nuovi berlinesi.

Nessun commento:

Posta un commento