martedì 2 maggio 2017

Saet in action 1999


Gli ultimi outline, gli ultimi riflessi, tagli, linee e tutte le cose.
Sotto la luce dell'alba, dopo il giusto tempo passato a tracciare, riempire, colorare, su una carrozza di prima classe delle Ferrovie Nord.
Lungo le rotaie di una yard da qualche parte.
Metallo, vernice e saettate.

1999.
Era l'anno in cui Norberto Achille divenne presidente di Ferrovie Nord Milano. Sotto la sua presidenza iniziarono le ripuliture massiccie dei treni FNM e le stazioni delle Nord smisero di essere il museo a cielo aperto che furono negli anni precedenti.
Sotto la sua presidenza (voluta dalla Lega) iniziarono le campagne di criminalizzazione di chi dipingeva i treni FNM, costringendo la povera azienda ferroviaria ad alzare i biglietti.
Ma... Achille... Achille... questo nome non mi è nuovo...
Ah, già! Quel presidente che fu arrestato 1-2 anni fa, perché moglie e figli usavano auto aziendali e carte di credito aziendali, facendosi pagare cene al ristorante, scommesse on-line, multe, autostrade e vacanze, per centinaia di migliaia di euro (circa 130.000 euro solo negli ultimi anni).
Massì, quello il cui figlio scialaquatore postava su istagram selfie di fianco al busto del duce (d'altronde, tra clown ci s'intende), probabilmente acquistato facendolo pagare a voi pendolari.

Ma i criminali sono quelli che dipingono i treni, eh? Mi raccomando.
Gli altro sono solo dirigenti che sbagliano.

Nessun commento:

Posta un commento