lunedì 19 aprile 2004

ZE CHULTURAL UICHEND

ZE CHULTURAL UICHEND

Sono andato alla mostra di Ukiyo-e. Grafica giapponese a Palazzo Reale, qui a Milano.
Lo dico subito: raramente ho visto una mostra così di merda. Pessima disposizione delle opere, percorsi per la visione con continui incroci, illuminazione inesistente spacciata, attraverso cartelli esplicativi, come scelta precisa per non compromettere le opere... e certo: ci sono papiri egiziani che resistono da 5000 anni, mentre delle stampe con un paio di secoli dovrebbero polverizzarsi sotto una lampadina appena decente.
Insomma, risparmiate i troppi euri richiesti, regalateli a qualcuno, ma non sprecateli qui.
Su un paio di centinaia di stampe le cose interessanti sono non più di 5 o 6, la pubblicizzata sezione "erotica" consta di 5 quadri di cui solo 2 di contenuto esplicito, ma niente che non si sia visto su qualunque rivista di tattoo.
A parte qualche stampa di Utamaro e poco più, la maggior parte delle cose esposte sono stampe di Katsushika Hokusai, tutte già viste nella mostra dell'anno scorso.
Must della visita, naturalmente i commenti dei visitatori:
Visitatore 1: "Hai visto questi giapponesi? fanno le montagne tutte coniche".
Visitatore 2: "Boh, magari la sono tutte così".
Visitatore 1: "Ma come mai a cono?".
Io: "E' il Monte Fuji. E' un vulcano".
Visitatore 1: "ah, se lo dice lei. Ma perché sono tutti così in questa stanza?".
Io: "Legga l'etichetta sotto".
Visitatore 1: "..."
Visitatore 2: "Allora, che dice?".
Visitatore 1: "I 100 panorami del Monte Fuji".
Visitatore 2: "E quella prima?".
Visitatore 1: "I 100 panorami del Monte Fuji".
Visitatore 2, rivolto a me: "Ma sono tutti disegni del Monte Fuji"?
Io: "C'è una montagna a cono sul disgno, c'è scritto Monte Fuji sotto... Veda lei".
Visitatore 1: "Va beh, vediamoceli tutti e 100!".
Non ho avuto il coraggio di dirgli che i 100 Panorami non sono cento ma qualche decina in meno.
Probabilmente si aggirano ancora per il palazzo alla ricerca della stanza con i quadri mancanti.

Nessun commento:

Posta un commento