lunedì 5 febbraio 2018

Amaro Pazo DRAW Dado Rain - Bologna 2013-2017 (3 di 5)

Draw - foto 2017

Dopo il lettering da cholos della pezza di Amaro, dopo l'heavy metal di Pazo, ora tocca alla pezza di Draw, che porta sul muro il laboratorio alchemico di uno scienziato pazzo.
Almbicchi con liquidi verdi probabilmente radioattivi, decorati con fregi tra il liberty e l'esoscheletro di Alien, processano liquidi misteriosi fino a creare, nell'ampolla finale, toxic worms che si attorcigliano a costruire le lettere D-R-A-W.
E quel liqiudo e quei vermoni sono l'unica zona a colori caldi dell'intera murata.
Lo sfondo è sempre quello cupo, di nuvole nere e lampi verdi da b-movie horror, che caratterizza l'intera murata.
Nella foto 2017 il degrado delle vernici scrostate dalla pioggia, oltre alla crepa nel muro che ha lasciato colare ruggine di ferri di armatura del cemento sottostante, hanno infierito sul disegno di Draw, ma vi lasciano immaginare quello che succederà quando a corrodersi sarà l'ampolla finale, con i vermi e il liquame arancione: Psycho Toxic Worms From Outer Space!!!
Mi chiedo solo se l'eventuale storia sia più adatta a Tales From the Crypt o The Vault of Horror. O magari The Haunt of Fear.

(foto 2017: 051gruphspotting)
(foto 2013: Draw FB page)

Draw - foto 2013 dalla pagina FB di Draw

Nessun commento:

Posta un commento