Rush TKA "spaco botilia!" in Vicolo Monticelli, MI 1994

Spaco botilia!

C'era stato questo periodo, nella prima metà degli anni 90's, in cui diversi TKA si erano messi a fare le robe strane, le lettere "brutte", i puppets sghembi, le colorazioni grezze.
Bizoga era un maestro nelle lettere strambe, spremute di Limoni e di Cedri, Kado usciva le sue lettere più contorte, abbandonando lo stile di puppets classicamente hiphop per omarini decisamente più inquietanti, mentre Rush si era messo a fare questi puppets brutalmente grezzi e neocubisti.
E proprio a questa serie di puppets è dedicata la foto qui sopra, con un puppet che calcia botilia, parte di una murata TKA nel vicolo Monticelli, piccola vietta che collega Via Menabrea a Via Farini.
La zona è quella al confine tra Isola e Neeguarda, percorsa in tutte le direzioni, dai writers della N9NA e quelli che arrivavano dagli squats dell'isola (Pergola e Garigliano).
Incredibilmente la pezza è rimasta per vent'anni praticamente intoccata.
Incredibilmente, perché essendo un vicolino nascosto è devastato non solo di tags più o meno toyeggianti, ma anche di scritte qualunque, di regazzini che di solito non stanno a guardare se la murata è oldskool o meno.
Ma, almeno a 20 anni esatti, la murata TKA aveva sopra solo una parrucca d'edera (vedi sotto)!

il puppet dai capelli verdi