KaosOne MCA "Zine", bozza e muro, 1990


Va bene, se vi sembra di averle già viste, è perché le avete già viste.
Sia la murata che la bozza erano state già postate tempo fa, ma mi piaceva metterle vicine per vedere quello che resta, quello che cambia, quello che si perde, passando dalla carta al muro.
Sia la bozza che la murata sono state fatte da Kaos nel 1990.
La murata era alla HallOfFame degli MCA al parco della Martesana, di fianco a una di Rendo dell'anno precedente.
Come si vede, quello che rimane è l'impostazione generale delle lettere, molto europee e molto "monacose".
Si è perso per strada il 3D con deco a "chicco di caffè" (o a "zampa di cammello").
Si sono perse anche le freccione in uscita dalla Z e dalla E. La prima forse appesantiva e rendeva meno riconoscibile la lettera, mentre la seconda, che usciva in modo un po' "strano" da un punto del 3D della E, perdendo il 3D non sapeva da dove partire. E se sei freccia, non avere una partenza non ti da una direzione e che sfrecci a fare? Sei superflua.
Per il resto, sfondo a cielo nuvoloso classic 80's con giallo sfumato intorno alle lettere per farle risaltare, che all'epoca non esistevano gli overline, oltre a lampetti e sbrillarelloni seminati a secchiate.
Purtroppo in quegli anni i pennarelli bianchi erano pochissimo coprenti (io avevo un uniPosca bianco che dovevo ripassare 6-7 volte prima che rimanesse bianco), se no li si sarebbero usati pure nelle bozze. Alcuni usavano il bianchetto per le correzioni, ma il rischio di impiastrare tutto era alto, dato che prendeva intere ere geologiche per asciugarsi. Quindi nemmeno Kaos ha fatto stelline in giro.
In aggiunta, non presenti nella bozza:
Puppet alla maniera che si usava allora, con la boccuccia a culo di gallina. Vi erano 3 modi principali di dare espressione alle facce nei puppets hiphop, con gli spray dell'epoca: sorriso a dentoni bianchi, smorfia con labbroni, boccuccia a culo di gallina. Con il miglioramento della qualità delle vernici e del can control sono aumentate anche le possibilità espressive.
Infine, papiro con la firma. Il papiro srotolato dove mettere la tag era stato usato da qualche writer di NYC e, per un po' di tempo, divenne un classico nelle pezze fine anni 80. Poi, per fortuna, quest'usanza archeologica sparì lentamente.
Ma sappiate che se volete fare una murata in stile anni 80, il papiro ci andrebbe...
That's it.
Dalla carta, al muro, al monitor!